Feed RSS

riflesso

Inserito il

ara pacis

resto fuori dalla teca che protegge l’ara pacis
il mio riflesso si nasconde tra le stratificazioni del tempo e dello spazio

presso la mia ara pacis , mai onorata,

non aspetterò oltre.

I stand  out of the glass case that protects the Ara Pacis
my reflection is hidden between the layers of time and space

At my Ara Pacis, never honored,

I will not wait for more.

 

 

 

luce e morte

Inserito il

temi ricorrenti.

L’opera di Marc Quinn  dialoga(?) con quella di Claire Fontaine

Image

Sguardi -3

Inserito il

Video di 10 secondi
Un bambino ancora incerto nei sui passi rincorre la sua ombra ridendo sorpreso. Con una mano richiama l’attenzione della nonna e con l’altra indica l’ombra . Incanto mattutino.

eros e morte

Inserito il

il Bacio di Auguste Rodin   e  la Morte (conosci te stesso-gnothi sauton )

Image

 

“Mentre noi dunque beviamo, tutti compresi ed estatici davanti a quelle lussuosità, uno schiavo portò uno scheletro d’argento, costruito così che le sue giunture e vertebre snodate potessero piegarsi da ogni  parte.Avendolo buttato una volta o due sulla tavola e ogni volta quel mobile congegno assumendo posizioni diverse, Trimalcione commentò: <Ahi noi miseri , come è nulla l’intero omuncolo! Cosi saremo tutti, dopo che l’Orco ci avrà rapiti! Dunque viviamo finché possiamo ancora spassarcela!> ” Satyricon , Petronio

penso

Inserito il

mi dispiego in silenzio

lentamente

sono una vela

un origami

una pergamena

 

mi raccolgo in un unico sguardo

senza dare un nome ad ogni emozione

sono un seme di mela

 

come se il tempo non esistesse

 

Casa di Arundhathi Subramaniam

Inserito il

di Arundhathi Subramaniam

Casa
Dammi una casa
che non sia mia,
dove possa entrare e uscire dalle stanze
senza lasciar traccia,
senza mai preoccuparmi dell’idraulico,
del colore delle tende,
della cacofonia dei libri vicino al letto.

Una casa leggera da indossare,
in cui le stanze non siano intasate
delle conversazioni di ieri,
dove l’ego non si gonfia
a riempire gli interstizi.

Una casa come questo corpo,
così aliena quando provo a farne parte,
così ospitale
quando decido che sono solo in visita.

 

————–

HOME
Give me a home
that isn’t mine,
where I can sleep in and out of the rooms
without a trace,
never worrying about the plumbing,
the colour of the curtains,
the cacophony of books by the bedside.

A home that I can wear lightly,
where the rooms aren’t clogged
with yesterday’s conversations,
where the self doesen’t bloat
to fill in the crevices.

A home, like this body,
so alien when I try to belong,
so hospitable
when I decide I’m just visiting.

da L’india dell’anima. Antologia di poesia femminile indiana contemporanea in lingua inglese.

A cura di Andrea Sirotti.

Casa editrice Le Lettere

 

Sguardi-2

Inserito il

Una giovane donna legge un libro.  È distesa sul fianco sinistro su  un’amaca tesa tra due pini marittimi. Con la mano destra che passa attraverso le maglie dell’amaca accarezza un pastore tedesco disteso sotto di lei. La luce è quella di un mezzodì estivo. L’ombra in cui sono immersi è circoscritta  ai loro corpi.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 95 follower